Gadget Benessere Gadget Capelli Gadget Eco-Friendly Gadget Estetica

Come il packaging influenza l’acquisto

Negli ultimi anni il processo di acquisto di un prodotto sia molto cambiato. La gamma sempre più ampia di prodotti simili tra loro, la possibilità di acquisto on line, la guerra dei prezzi tra le varie aziende e la capacità di informazione dei clienti ha fatto si che vendere un prodotto oggi sia sempre più un percorso emozionale che coinvolge a 360 gradi il consumatore.

E’ per questo che le aziende puntano sempre più a strategie di marketing che possano differenziare i loro prodotti e renderli unici agli occhi del consumatore finale per comunicargli il valore del brand e i benefici del suo prodotto.

Tra queste un ruolo importante ha l’immagine che viene trasmessa attraverso il packaging del prodotto. E’ evidente come un packaging accattivante e studiato faccia diventare anche l’oggetto più banale importante e prezioso. 

Nel mondo degli accessori beauty questo processo è ancor più evidente data l’enorme offerta che il mercato presenta al giorno d’oggi, con prodotti simili tra loro e facilmente intercambiabili differenziati solamente dal brand o dalla fascia prezzo a cui appartengono.

L’importanza del packaging diventa perciò fondamentale per poter far sì che il consumatore ci scelga tra questa miriade di offerte che gli si presenta. Ma come deve essere un pack per essere efficacemente accattivante e particolare?

Un buon packaging deve rispondere a  queste caratteristiche basilari:

– Brand identity

– Funzionalità

– Estetica

– Materiali

Esaminiamo i questi punti approfonditamente uno per uno.

1. La brand Identity

Il packaging deve sempre rispettare l’immagine che l’azienda ha nel mercato e trasmetterne i valori al consumatore finale. Attraverso tutti i fattori che lo compongono il packaging porta l’immagine aziendale a contatto diretto con i clienti e diventa una mezzo importante per veicolare loro il messaggio del brand. E’ per questo che non può andare contro i valori insiti nell’azienda stessa. Ad esempio, perciò, una azienda il cui focua è l’ecosotenibilità dei prodotti non potrà avere dei packaging non riciclabili o prodotti da una filiera non sostenibile. Ricordiamoci che il packaging è il primo touchpoint che si ha con il consumatore, il nostro biglietto da visita e perciò deve essere studiato attentamente.

2. La funzionalità

Nella costruzione di un buon packaging non dobbiamo dimenticare la sua funzione principale, ovvero proteggere il prodotto al suo interno e garantirne la sua integrità sino alla vendita. Per questo dobbiamo assicurarci che sia funzionale al trasporto sia da un punto di sicurezza che di costo (ricordiamoci che i costi di trasporto variano in base alle dimensioni dei colli perciò un packaging molto bello ma al contempo molto grande non sarà molto auspicabile per prodotti con poco valore commerciale). Altresì deve essere funzionale a.ll’esposizione dei prodotti per la vendita e deve facilitare l’uso del prodotto all’ interno. Troppe volte si sono visti infatti prodotti in packaging meravigliosi lasciati in disparte perché impossibili da esporre correttamente e da presentare al cliente.

3. L’estetica

L’estetica è una delle caratteristiche più importanti di un buon packaging. Come abbiamo visto in precedenza il consumatore è attratto al primo impatto dalla confezione di un prodotto, è per questo che questa deve essere studiata approfonditamente per essere accattivante ed efficace. Ruolo fondamentale in questo hanno i colori le grafiche e le forme. Ampi studi sono stati fatti nel marketing dei colori a seconda di quello che si vuole comunicare, a questi si aggiungono delle grafiche create ad ho unite a delle forme sempre più particolari che rendono il prodotto unico e immediatamente riconoscibile tra quelli dei competitors.

4. I Materiali

Abbiamo già visto come i materiali  con cui è costruito il packaging di un prodotto debbano essere funzionali alla sua integrità e coerenti con i valori dell’ azienda. Anche nella sfera emozionale del processo di acquisto però ricoprono un ruolo fondamentale. Così come l’estetica del packaging è di enorme importanza perla scelta del prodotto da parte del consumatore finale anche i materiali con cui è costruito ne costituiscono una parte importante. Il tatto è uno dei sensi che utilizziamo di più per esaminare un prodotto e valutarne la caratteristiche, è ovvio perciò che materiali preziosi e raffinati alzeranno il valore di un oggetto mentre altri meno ricercati saranno indice di poca cura ed economicità dello stesso.

In breve

Queste sono in breve le caratteristiche fondamentali che deve avere un buon packeging. Riicordiamoci sempre di valutare attentamente ciascun punto in base a quello che vogliamo comunicare. Ad esempio, se vendo dei prodotti la cui caratteristica principale è il prezzo economico rispetto a quello dei competitor il packaging dovrà essere semplice e pulito senza seppur dare l’immagine di trascuratezza (anche il prodotto più economico ha un prezzo che il cliente paga se ritiene di avere in cambio un buon prodotto).

Al contrario se l’elemento distintivo del mio prodotto sarà l’esclusività e la preziosità il packaging dovrà essere adeguato e ricercato.




Potrebbe piacerti...